Giovanni Calabrò & I guru del real estate prevedono

Calfin International e il CEO, Giovanni Calabrò, prendono atto degli sviluppi nel mercato immobiliare internazionale.
D opo aver gestito con successo lo sviluppo immobiliare in Europa e nel mondo per diverse società come Inimarche Spa, GECOM Spa, Porto turistico di Taranto e Inimont Viola Saint Grèè, i recenti commenti di Joe Azelby, capo del dipartimento real estate di UBS da le basi per un nuovo interesse. Nel corso degli anni il Gruppo Calfin ha raggiunto traguardi ed obiettivi altamente performanti, grazie al fatto di aver sempre preso in considerazione i principali attori del mercato a livello internazionale. 

È la diversità e la flessibilità degli investimenti che hanno reso il Gruppo Calfin competitivo a livello internazionale nel settore immobiliare. :

M ilano è confermata come la città in grado di attrarre il maggior numero di investimenti, seguita da Roma, Venezia e Firenze. Lo spazio ufficio rimane la risorsa principale, seguito dal settore alberghiero, che raggiunge il 32% del totale, mostrando una forte crescita rispetto al 10% nel 2018. Il 23% degli investimenti ha quindi coperto il commercio al dettaglio e il 6% ha coinvolto la logistica. Questi numeri sono importanti indicatori del futuro degli investimenti immobiliari europei, mostrando la direzione in cui i principali investitori cercheranno nuove opportunità.

Joe Azelby, responsabile immobiliare di UBS, spiega:

Ciò che interessa agli investitori internazionali non sono i cambiamenti nel governo, ma le riforme economiche e le misure in grado di offrire il giusto contesto economico al fine di investire da parte di coloro che gestiscono più di cento miliardi di euro di beni immobiliari. E quello che vediamo è che la crescita del PIL italiano è tra le più basse in Europa e che il mercato finanziario è piuttosto vulnerabile. Detto questo, ci sono eccezioni, come Milano, che cantano fuori dal coro.

Leggi l’intero articolo …

Fonte: il sole 24 ore, autore: Evelina Marchesini
Lascia un commento